I dolcificanti artificiali fanno male alla salute?

Alcuni anni fa ho guardato la lista degli ingredienti per vedere se l’etichetta contenesse la parola Aspartame (dolcificante artificiale). Se il produttore avesse Aspartame, passerei molto lontano.

Nei documentari hanno parlato di studi condotti su ratti che hanno dimostrato che l’aspartame potrebbe essere cancerogeno. Mentre stavo imparando l’alimentazione e studiando un po ‘i dolcificanti artificiali, ho capito quanto era sensazionali le accuse.

Oggigiorno, la mia idea riguardo alcuni dolcificanti artificiali, incluso l’Aspartame, è molto diversa da quella di qualche anno fa. Non penso più a quelli da evitare a tutti i costi, ma piuttosto a quelli che cercano di consumare invece di zucchero.

Continua dopo la Pubblicità


Piace la nostra pagina di intrattenimento su facebook:

I dolcificanti artificiali (o no) fanno male alla salute?

Spesso, gli obiettivi di dibattito, i dolcificanti artificiali sono sempre più consumati dagli esseri umani. Sono sostanze chimiche la cui funzione è quella di addolcire gli alimenti dove vengono aggiunti. E di solito sono consumati per essere dolci e privi di calorie, che possono aiutare quelli che vogliono perdere peso o semplicemente escludere lo zucchero raffinato dalla dieta.

Oggi, le più grandi organizzazioni sanitarie del mondo li considerano sicuri per il consumo, quindi vengono aggiunti a vari alimenti. Ma con così tante informazioni che circolano su Internet a parlare dei pericoli del suo consumo, dovremmo davvero evitare prendere?

Molte persone ipotizzano che i dolcificanti artificiali possano effettivamente aiutare ad aumentare di peso, perché fanno pensare al nostro corpo che riceverà calorie (zucchero vero). Come il corpo non riceve, questo ci fa provare a consumare cibi calorici, il che ci porta a mangiare più calorie e ad aumentare di peso.

Infatti, molti degli alimenti che consumiamo oggi con dolcificanti artificiali contengono calorie, e sappiamo anche che il consumo di cibi senza calorie ma con dolcificanti non calorici non aumenta i livelli di zucchero nel sangue e in realtà ci aiuta a perdere peso. Almeno, è quello che dimostrano studi recenti, fatti negli umani e non nei ratti. Dalla mia esperienza personale e dai miei clienti, posso anche dire che i dolcificanti artificiali li hanno aiutati a controllare il peso più facilmente.

Ma per quanto riguarda il cancro? Non dovremmo preoccuparci di questo?

Gli studi che hanno dimostrato che gli edulcoranti potrebbero causare il cancro sono stati fatti nei ratti e le dosi indicate erano massicce. Metterlo in una prospettiva diversa può aiutarti a capire perché questi studi sono dubbi.

Sebbene umani e ratti condividano alcune somiglianze metaboliche, c’è una grande differenza tra noi e loro, la più ovvia è che la nostra aspettativa di vita è molto più alta. I ratti vivono circa due anni.

Un pasto per un topo è qualcosa di molto più importante di un pasto per un essere umano. Mentre noi umani impieghiamo circa 4 giorni per avere un disturbo metabolico (o il nostro cervello), i topi hanno solo bisogno di un pasto!

Un altro aspetto che rende irrilevanti molti degli studi sui topi è il fatto che le dosi somministrate sono assurde! A volte danno le dosi di ratto che nemmeno un essere umano potrebbe usare in un giorno, nemmeno un pasto.

E ancora, studi condotti finora sugli esseri umani, non mostrano un peggioramento del cancro dovuto al consumo di dolcificanti artificiali. È ancora troppo presto per conoscerne le implicazioni, ma almeno sappiamo che è relativamente sicuro e che è una scelta infinitamente migliore dello zucchero.

Continua dopo la Pubblicità



Di seguito è riportato un elenco di 4 dolcificanti artificiali per il consumo e le dosi relativamente sicure da consumare.

Aspartame

Come accennato in precedenza, questo deve essere il dolcificante di cui la maggior parte della gente teme (una volta ero uno di loro: ricorda di non consumare gomme da masticare per dieta perché hanno l’aspartame).

Solo per avere un’idea, la FDA ha un’assunzione giornaliera accettabile di 50 mg / kg – l’equivalente di una persona che beve quasi 20 lattine di cola al giorno!

Il dolcificante non contiene calorie ed è sicuro per il consumo, altrimenti non sarebbe approvato dalle più grandi istituzioni sanitarie del mondo.

Acesulfame-K

L’Acesulfame-K è un dolcificante circa 200 volte più dolce dello zucchero da tavola e inoltre non ha calorie perché non può essere metabolizzato dall’uomo.

Gli studi fatti sugli esseri umani sono pochi, tuttavia tutto indica che il loro consumo è sicuro.

Sucralose (sucralosio)

Sebbene il sucralosio sia costituito da zucchero, il corpo umano non lo riconosce come zucchero, il che significa che non è metabolizzato. Non ha calorie.

La dose accettabile per il consumo è di 5 mg / kg, ma in media si consumano solo 1,6 mg / kg. Gli studi sull’uomo non hanno riportato alcun effetto nocivo, il che rende questo dolcificante sicuro per il consumo.

Saccharin (saccarina)

Probabilmente uno dei più vecchi dolcificanti, la saccarina è stata scoperta nel 1879. Sebbene attualmente sia presente praticamente in nessuno cibo, la saccarina è stata anche presa di mira da alcune organizzazioni. Questi attacchi erano dovuti al fatto che alcuni studi condotti su roditori mostrano una relazione tra il loro consumo e il cancro alla vescica. Successivamente hanno fatto studi sugli esseri umani e hanno scoperto che gli esseri umani digeriscono la saccarina in modo diverso dai roditori.

Come già accennato in questo articolo, è troppo presto per dire se il suo consumo a lungo termine potrebbe causare il cancro, ma vi sono prove che il suo consumo in piccole quantità non causa alcun problema, il che lo rende un dolcificante artificiale sicuro per il consumo. Inoltre, il suo uso nel cibo è molto più basso rispetto ad altri dolcificanti.

Cmq:

Nonostante ciò che è stato detto, è sempre bene chiarire: proprio come qualsiasi alimento, i dolcificanti artificiali, se consumati in eccesso, possono causare problemi di salute.

Ho anche parlato brevemente dell’aiuto di dolcificanti per la perdita di peso, ma i dolcificanti che consumano effettivamente ci aiutano?

La risposta dipende Ci sono alcuni studi che mostrano che alcune persone che consumano dolcificanti artificiali guadagnano più peso di quelli che consumano zucchero normale. Questo è principalmente legato al fatto che quando le persone sanno di consumare cibi leggeri o senza calorie, cadono nella trappola di ricompensarsi con più cibo da altre fonti, il che spesso li porta a consumare più calorie. che aveva consumato la versione normale.

Tuttavia, diversi studi recenti hanno dimostrato che le persone che sostituiscono lo zucchero con gli edulcoranti hanno perso peso e grasso corporeo.

Quindi, indipendentemente dal fatto che dovresti consumare o no degli edulcoranti, la mia risposta è questa: per i bambini, le donne incinte e le madri che stanno allattando al seno, il loro consumo potrebbe dover essere evitato. Ci sono ancora persone che sentono (o sentono davvero) di avere mal di testa o si sentono più depressi dopo il consumo. Se senti qualcosa di brutto quando usi i dolcificanti artificiali, non usare.

Per il resto, goditi la gelatina senza zucchero, la coca-cola zero ei prodotti leggeri che esistono. Tra il consumo di zuccheri raffinati e dolcificanti artificiali in dosi normali, è infinitamente meglio attenersi agli edulcoranti.

Pubblicità




Riferimenti
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmedhealth/PMH0072592/
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9023599
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2359769
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3200909
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2900484/
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22301929
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24944060
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25532596
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20429009
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22093544
  • http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1467-3010.2006.00564.x/abstract
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4786736/
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19221011
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20420761
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21245879
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2923074
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22205311
  • http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1541-4337.2006.tb00081.x/abstract
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17043096
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19661082
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17828671
  • http://www.efsa.europa.eu/en/supporting/pub/1641

Aiuta suple8.com a crescere, se trovi errori, faccelo sapere con un messaggio in contatti
Ti piaciuto questo articolo? Da un Mi piaci, fai un commento.
Quindi aiuta a far crescere Suple8
Grazie Team Suple8.com