Dorian Yates: Misurazioni, Allenamento, Dieta, Storia e com’è Oggi

2020

Dorian Yates era un bodybuilder professionista per l’IFBB e e ha vinto 6 a Mr. Olympia.

Ha rivoluzionato il bodybuilding creando un nuovo livello di massa muscolare con un buon condizionamento.

È stato il primo Mr. Olympia a raggiungere i 120 kg di peso da competizione mantenendo una qualità muscolare assurda, con densità e qualità simultanee.

In questo testo vedremo un po ‘della sua traiettoria nel bodybuilding, così come la sua filosofia di allenamento e dieta.

Profilo:
Nome completo: Dorian Andrew Mientjez Yates
Peso: 120 kg in competizione (in stagione)
Altezza: 177 cm
Età: 58 anni alla data di questo testo (nato nel 1962)
Braccio: 50 cm +
Petto: 142 cm
Vitello: 50 cm
Vita: 96 cm

Queste informazioni sono state tratte dalle interviste e dal sito Web ufficiale di Dorian Yates e non c’è modo di verificarne al 100% l’autenticità, si prega di utilizzare il “retro” buono quando si prendono in considerazione.

Storia

Dorian Yates è nato in Inghilterra il 19 aprile 1962. È cresciuto in un villaggio chiamato Hurley, nello Staffordshire rurale.

Da adolescente, la sua famiglia si trasferì a Birmingham, una città industriale e la seconda più grande della Gran Bretagna.

Durante i periodi di cambiamento sociale in Inghilterra, nei primi anni ’80, Dorian finì in un pasticcio con i suoi amici e fu condannato a sei mesi in un centro di detenzione per giovani.

Nello specifico in questo centro di detenzione, c’era una palestra. Dorian, non avendo nulla da fare, iniziò ad allenarsi per passare il tempo.

Anche senza alcun tipo di infrastruttura, dieta, integratori o qualcosa del genere, Dorian iniziò a vedere il suo fisico evolversi molto velocemente rispetto agli altri ragazzi che si allenavano.

All’istituzione, Dorian iniziò a farsi una reputazione grazie al suo fisico. Era considerato il più forte tra i 300 prigionieri nelle competizioni di powerlifting interno.

Lasciando la detenzione e conoscendo il proprio potenziale, Dorian decise di entrare nel mondo del bodybuilding.

Ha iniziato ad allenarsi in una vera palestra e mirava a competere ufficialmente in questo sport.

Dall’età di 21 anni, nel 1983, ha iniziato a competere in piccoli eventi regionali, come quelli ospitati da palestre (che all’epoca era molto comune) e ha vinto semplicemente tutti

Nel 1986, a soli tre anni di competizione, ha vinto l’EFBB British nella divisione dei pesi massimi, il più grande spettacolo inglese dell’epoca.

Nel 1988 ha anche vinto i Campionati britannici, un altro evento prestigioso nel paese.

Con questa raccolta di vittorie, non c’era altro posto dove andare nel tuo paese. Quindi, nel 1990, ha partecipato alla Notte dei campioni a New York.

Un evento che ha riunito atleti di alto livello non solo dagli Stati Uniti, ma da tutto il mondo.

È arrivato secondo, perdendo contro Mohamed Benaziza.

Al centro del palco, Dorian accanto a Mohamed. L’anno seguente (1991), dopo aver migliorato il suo fisico, tornò a New York e vinse la Notte dei Campioni.

Nello stesso anno ha gareggiato in Mr. Olympia ed era già al secondo posto, perdendo nientemeno che Lee Haney che quella sera ha completato 8 vittorie consecutive nell’evento e si è ritirato.

L’anno seguente, nel 1992, gareggiò di nuovo al Sig. Olympia e smise di vincere all’evento solo nel 1997, totalizzando 6 vittorie al primo posto.

Dorian Yates ha smesso di competere solo a causa di una ferita molto grave ai suoi tricipiti che gli ha impedito di fare innumerevoli esercizi come prima.

In totale, nella sua carriera agonistica, Dorian Yates ha vinto 15 competizioni professionali e solo due secondi posti, che erano all’inizio della sua carriera.

Mentalità da campione

A differenza della maggior parte dei bodybuilder dell’epoca, Dorian Yates non ha partecipato a sessioni fotografiche per allenare le riviste (molto meno della maggior parte), non ha partecipato a feste o eventi legati al bodybuilding.

Inoltre, non ha preso un giorno libero (in termini di dieta, allenamento e altre cose correlate) per 12 anni.

Tutto ciò che ha fatto nella vita è stato quello di mangiare, allenarsi, studiare e dormire.

Si è allenato chiuso in una palestra che aveva nel suo seminterrato e quando non era lì, stava preparando i pasti, calcolando i nutrienti della dieta, regolando le variabili di allenamento, le competizioni, analizzando i risultati e riposando.

Per più di un decennio Dorian visse come un bodybuilder “monaco = Monk”, raramente si divertiva o faceva qualcosa di piacevole.

Secondo lui, realizzare qualcosa di incredibile richiede un lavoro incredibile.

Mentre voleva qualcosa, decise di concentrarsi interamente sul farlo e dimenticare tutto il resto.

Filosofia di Allenamento

La mentalità di Dorian sull’allenamento era semplice: durante l’allenamento non stai guadagnando massa muscolare.

Durante l’allenamento, secondo lui, devi imporre il massimo stress ai muscoli per promuovere la stimolazione di cui il tuo corpo ha bisogno per crescere.

Con lo stimolo dato, infatti, la crescita avverrà solo se fornirai un’alimentazione e un riposo adeguati.

L’allenamento stesso è stato ispirato dal sistema Nautilus di Arthur Jones e dall’allenamento di Mike Mentzer, HIT (niente a che fare con HIIT).

Le sessioni di allenamento erano brevi e con poco volume, Dorian poteva eseguire solo 2 serie per esercizio, un allenamento molto meno voluminoso rispetto alla maggior parte degli altri culturisti della sua epoca.

Tuttavia, queste semplici 2 serie (a volte anche una) erano mortali.

Fondamentalmente, Dorian si allenava di meno e si concentrava per la maggior parte del tempo sulla sua dieta e sul recupero, ma quando era in palestra, era tutto o niente.

Non c’è da meravigliarsi che questa filosofia fosse conosciuta come “Blood and Guts” (qualcosa come “Blood and coraggio”).

Se sei interessato, guarda il tuo film (con lo stesso nome di filosofia).

Sarà una demo di 80 minuti che mostra quanto folli sono stati i tuoi allenamenti.

Filosofia Dietetica

Dorian aveva una filosofia di dieta molto simile alla maggior parte del signor Olympias, che era di fare le cose con una mentalità meccanica.

Durante la bassa stagione ingeriva da 6 a 7 mila calorie al giorno, suddivise in 5-6 pasti durante il giorno, mentre durante la fase di pre-competizione ha ridotto drasticamente la sua assunzione fino a 4000 calorie / giorno .

Il loro cibo consisteva in cibi naturali.

Le sue fonti proteiche preferite erano albumi d’uovo, petto di pollo e carni rosse magre.

E avena e riso integrale, erano le fonti di carboidrati più utilizzate. Questi caratteri sono stati utilizzati anche nelle stagioni pre-gara, ma in quantità molto più discrete rispetto alla bassa stagione.

Per la maggior parte della sua carriera, Dorian riferisce di evitare il più possibile l’assunzione di grassi (questa era una mentalità ampiamente adottata nell’era degli anni ’90).

L’assunzione di proteine ​​è stata elevata indipendentemente dalla fase, cambiando e accendendo e spegnendo solo i carboidrati.

Dorian Yates oggi

Dopo il suo ritiro (e il recupero dalle lesioni causate dalla professione), Dorian Yates ha continuato ad allenarsi e mantenere un fisico molto al di sopra dell’ordinario.

Qui vediamo una sua foto con sua moglie (Gal Ferreira, brasiliana) nel 2015.

Oggi, a 58 anni, Dorian mantiene ancora un fisico sano, senza accumulo di grasso, ma non sembra più preoccuparsi dell’estetica, non dal punto di vista di un bodybuilder.

E non fraintendetemi, non lo dico in modo peggiorativo.

Dorian Yates ha già lasciato il segno nella storia del bodybuilding e a 58 anni non ha più nulla da dimostrare, tuttavia non sembra più allenarsi con alcun obiettivo legato all’estetica – solo un’affermazione.

Cosa Possiamo Imparare da Dorian

Dorian ha dominato lo sport negli anni ’90, in un periodo in cui non c’erano molte informazioni sull’allenamento, la nutrizione e persino l’uso di ergogeni (come oggi).

Secondo lui, la sua scuola nel seguire il percorso del bodybuilding era dovuta al fatto che lo sport richiede una sfida individuale – un percorso che prendi da solo.

Ogni corpo è unico, quindi ogni atleta ha bisogno, da solo, di trovare il miglior metodo di allenamento e nutrizione per battere gli altri.

Il “segreto” di Dorian doveva essere metodico su tutto ciò che riguardava l’allenamento.

Ogni sessione di allenamento completata, ogni pasto consumato e ogni risposta che aveva, sono stati catalogati in un record che ha fatto nel suo diario.

Durante la sua carriera, Yates ha analizzato i suoi record e apportato modifiche solo in base ai dati che aveva. Fondamentalmente, non “legò senza di noi”.

Non abbiamo bisogno di diventare culturisti (figuriamoci competere ad Olympia) per usare queste filosofie come intelligenti analogie per migliorare i nostri risultati.

Aiuta suple8.com a crescere, se trovi errori, faccelo sapere con un messaggio in contatti

Quindi aiuta a far crescere Suple8

Grazie Team Suple8.com